a soli 0,79 cent + IVA al minuto

a soli 0,49 cent + IVA al minuto

SITO VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Telefono Erotico Mature al Telefono

Sesso al Telefono Mature

Il Telefono Erotico Mature è pronto ad esaudire i tuoi desideri più sporchi! Se ti eccitano le donne mature con molta esperienza allora telefono subito alla nostra linea erotica!

Telefono Erotico Mature al Telefono Linea Erotica

Non pensare che solo le ragazze giovani possono far godere un uomo, le mature hanno molta esperienza e ti faranno vivere del sesso al telefono davvero piccante e perverso! Lasciati trasportare nei loro giochi erotici e inizia a godere insieme alle donne mature! Chiama subito la nostra linea erotica delle mature ad un prezzo imperdibile:

Le Mature ti aspettano in Linea sulla nostra linea erotica e sono pronte a provare tanti giochi erotici insieme a te!

Donne Mature al Telefono

Le donne mature sono delle esperte del sesso! Nel corso degli anni hanno accumulato molta esperienza e sanno come soddisfare i desideri degli uomini più esigenti. Non hanno pudori o censure e sono pronte a divertirsi insieme a te grazie ai loro sex toys e giocattoli erotici!

Telefono Erotico Mature al Telefono Linea Erotica

Vivi il sesso più estremo e depravato della tua vita, chiama subito le mature al telefono e inizia a godere!

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Categorie del telefono erotico

Telefono erotico mature

Non preoccuparti dell’orario a cui chiamare la nostra linea erotica. Siamo aperti h24, 7 giorni su 7 per permetterti di chiamare a qualunque orario del giorno o della notte.

Leggi le recensioni della nostra linea erotica su TrustPilot

Linea erotica: Scopare la cameriera

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Masturbazione al Telefono Erotico - Sesso al Telefono Masturbarsi al Telefono

Chloé, la domestica di Isabella, è arrivata in Germania circa otto anni fa con la sorella di due anni più giovane. All’inizio vivevano con una sorella sposata che viveva a Francoforte. Ma suo cognato è stato sfortunato. A causa di alcune audaci speculazioni aveva perso la sua considerevole fortuna da un giorno all’altro. Le due ragazze dovettero cercare lavoro e Chloé finì per lavorare come domestica presso Isabella. Anche sua sorella lavorava come domestica nella stessa città. Ciò significava che potevano vedersi regolarmente.

Le due sorelle trascorrevano la maggior parte delle loro giornate libere a letto. Avevano scoperto i loro corpi insieme da bambine e da allora sapevano che due ragazze avrebbero potuto divertirsi molto insieme. Chloé aveva una lingua abile che era un modo infallibile per portarla all’orgasmo e il fallo che teneva sul comodino era ancora migliore del suo dito.

Era troppo pericoloso per loro fare conoscenze maschili nella nuova città. Avevano vissuto tante esperienze con la sorella e il cognato a Francoforte: c’erano stati momenti in cui avevano scopato per tre giorni e tre notti. Gli amici d’affari del cognato erano sempre molto riconoscenti…

Nella nuova città la vita sessuale era diventata più monotona.
La signora Isabella l’aveva lasciata andare dal parrucchiere oggi, ma il negozio era chiuso. Non voleva provare un nuovo parrucchiere, quindi tornò di corsa per riprendere il lavoro che si era lasciata alle spalle.

Erotici Racconti Erotici - Racconti porn

È entrata dall’ingresso sul retro e ha cercato il capo per riferirle. Non era nel soggiorno. Dalla stanza della padrona provenivano dei rumori. Bussò piano, non ottenne risposta e aprì silenziosamente la porta. Rimase lì come colpita da un fulmine. L’immagine del gruppo di tre che trovò la affascinò. La sua mano destra si inserì istintivamente tra le sue gambe. Con le dita tracciò le labbra attraverso le mutandine e con l’altra mano spinse da parte il tessuto.

Non distolse gli occhi dalle tre persone per un secondo. La scena l’ha fatta arrapare così tanto che si sarebbe fatta strigliare da un cane se ne avesse avuto la possibilità. Spinse il dito medio nella figa calda e si strofinò il clitoride con il pollice. Lei gemette, si morse il labbro e sentì le ginocchia cominciare a vacillare. Era da molto tempo che per lei non accadeva così in fretta. Chloé emise un grido rauco mentre ondate di orgasmo inondavano il suo corpo.

L’urlo soffocò i gemiti e i sussulti dei tre. Isabella alzò lo sguardo dal cazzo su cui stava lavorando, e Nathan si avviò con desiderio verso la porta. Solo Samuel non si era accorto di nulla, era ancora sdraiato sotto la moglie e succhiava e leccava. Nathan aveva temporaneamente interrotto le sue spinte. Non distolse gli occhi dalla ragazza che aveva ancora il dito nella figa. “Continua”, lo incoraggiò Isabella. “Continua a scopare! Sì, così va meglio.

Isabella fece cenno alla ragazza di chiudere la porta e di avvicinarsi. Come in trance e con passi incerti, Chloé si avvicinò al gruppo di tre. “Dai, togliti i vestiti velocemente”, sussurrò Isabella. In pochi secondi Chloé si era tolta i vestiti. La coppa del reggiseno lasciava scoperti i capezzoli.

I suoi seni erano meravigliosamente sodi e bianchi come la neve. “Dai, siediti qui”, sussurrò Isabella e indicò il cazzo di suo marito. Lei stessa scattò leggermente in avanti e glielo prese in mano. Chloé si abbassò molto lentamente finché la punta del cazzo non premette contro le labbra della sua figa. Isabella strofinò l’asta avanti e indietro, toccando in particolare il clitoride duro della ragazza. Era già molto bagnata così quando si sedette con uno strattone, il cazzo di Samuel scomparve nella fica di Chloé.

Samuel si era ormai accorto che stava accadendo qualcosa di insolito, non poteva vedere cosa stava succedendo sopra di lui, la sua testa era ancora incastrata tra le gambe di Isabella e non riusciva a capire cosa stesse scopando in quel momento dato che, nel frattempo Isabella veniva scopata da dietro da Nathan. Chloé aumentò il ritmo. Isabella aveva messo le mani sui fianchi di Chloé e ora le stava succhiando le deliziose tette.

Una varietà di succhi gocciolava dalla fica Isabella sul suo viso. Non era ancora giunto ad alcuna conclusione. Perché all’improvviso c’era una seconda fica? Stava sognando? Hai scopato troppo, pensò. Tuttavia la figa che ora racchiudeva il suo cazzo era meravigliosamente morbida e scivolosa. Ed era anche stretto. Gli strinse il cazzo tanto che lui avrebbe voluto urlare se solo un suono fosse potuto uscire dalla sua bocca.

Nathan aveva una resistenza straordinaria. Si spinse con forza contro Isabella e parlò incessantemente. “Ah, va bene… il tuo buco è fantastico, ah, che caldo! Sì, gira il culo, che bello, avanti e indietro” Ora cominciò lo scatto finale. Isabella sentì il suo cazzo vibrare mentre lo sperma saliva, ed i suoi movimenti a scatti divennero ancora più impetuosi, ancora più appassionati. “Dai vienimi addosso! Voglio ogni goccia sul mio corpo“, gli disse.

Anziane Porcone Telefono Erotico Anziane - Linea Erotica Mature al Telefono Erotico

Le sue labbra avevano liberato i seni di Chloé, ma lei vi si aggrappava con le mani, facendo urlare forte Chloé. Isabella si lasciò cadere in avanti. Il suo corpo tremava selvaggiamente. Aveva finito. Il cazzo di Nathan scivolò fuori dal suo buco e scivolò sul viso di Samuel. Alcuni dei loro succhi condivisi gocciolarono giù, fluirono nella sua bocca, lungo il suo mento… Ansimò e fu sollevato quando il peso di Isabella fu sollevato da lui.

Ora poteva concentrarsi maggiormente sulla fica in cui era stato conficcato il suo cazzo. Sollevò l’inguine, spingendo l’asta ancora più in profondità nella sconosciuta figa, e la sentì stringersi attorno alla sua asta, cercando di spruzzargli tutto dentro. Samuel riuscì a resistere al forte colpo solo per pochi secondi. Poi con le ultime forze venne nella fica ancora sconosciuta. Chloé lanciò grida forti e acute, si afferrò le tette con entrambe le mani, le strinse e rimase seduta sul cazzo di Samuel come se avesse messo radici.

Ci è voluto del tempo perché il gruppo si riprendesse. Samuel si avvicinò, si appoggiò sui gomiti e guardò in faccia la cameriera. «Il diavolo», mormorò, «quella è la nostra Chloé! Ragazza, hai una prugna piccante! E qualcosa del genere vive sotto il mio tetto da mesi, intatto e sprecato. Bambina, perché non ti sei unita a noi molto tempo fa?” Chloé e Isabella si guardarono e risero di cuore. Si sedettero uno accanto all’altro sul lettino e si abbracciarono forte.

“Sono così felice”, sussurrò Chloé e strinse le tette di Isabella, “non avrei mai pensato di vivere qualcosa del genere qui. Isabella ha aggiunto: “Sì, ora da noi non c’è più noia. E se Samuel non riesce a rialzarsi, uniremo le forze per provare a dare vita al suo cazzo. “Oppure puoi chiamare me”, rispose Nathan. “Sono sempre pronto!”.

“Cavolo, Nathan, quella era una festa, vero?” Samuel si rivolse al suo amico d’affari. “Hai mai scopato bene come questo pomeriggio?” Nathan disse di no. “Ma ora dovrebbe essere sempre così.“ “Posso partecipare di nuovo?” chiese Chloé tranquillamente. Si capiva che non era ancora sicura di quello che stava facendo. Il cambiamento era stato troppo brusco, troppo in fretta il suo rispettato capo era diventata uno stronza rispettabile, il capo perbene era diventato una donna di lusso arrapata e leccatrice.

“Ma tesoro, questo è un dato di fatto!” esclamò Samuel esuberante. “Hai sempre fatto parte della famiglia, ma da ora in poi fai anche sesso. Che ne dici, Isabella?” “Hmm,” disse Isabella e guardò con lussuria la formosa ragazza dai capelli neri e dalle tette sode, “Sono molto favorevole. Finalmente ora ho qualcuno in casa quando mio marito non è a casa. “Chloé era raggiante. Gettò le braccia al collo di Isabella e le sussurrò: “Oh, grazie, grazie! Sono così felice!” E per mostrare quanto fosse felice, si inginocchiò velocemente davanti al suo capo, allargò le gambe e gli leccò la figa.

Isabella accarezzò i capelli neri e profondi di Chloé. Lei sorrise contenta e felice ai due uomini che fissavano con lussuria la ragazza che leccava la figa piena di sperma e faceva schiocchi. Isabella cominciava di nuovo a diventare irrequieta. “Oh, smettila”, disse con un gemito e sollevò la testa di Chloé, “altrimenti mi eccito di nuovo. Sei bravissima a leccare. Chloé.“ La ragazza si avvicinò e rise. “Anche mia sorella lo dice”, disse maliziosamente, asciugandosi la bocca bagnata con il retro del braccio.

“Tua sorella?” chiesero all’unisono i due uomini. “Vi leccate?” Chloé aveva perso ogni timidezza. “Sì”, ha detto, “per molti anni. Se non hai un uomo, è carino avere almeno una lingua nella figa.“ Samuel e Nathan in particolare erano ansiosi di saperne di più, ma Isabella era anche emozionata dalla casuale “ confessione ” di Chloé. “Come fai a conoscere effettivamente tutte le espressioni?” volevano sapere. “Ah, questa è un’altra storia”, ha detto Chloé.

“Ma prima di dirtelo, vorrei anche leccare bene i cazzi dei due signori, se posso?” La domanda era rivolta a Isabella. “Certo che puoi, stupida”, disse la padrona di casa. “Loro due hanno già voglia di sentire la tua lingua calda. “Samuel si alzò e si sedette davanti a Chloé. Il suo cazzo pendeva floscio e i segni che la cavalcata di Chloé gli aveva lasciato erano chiaramente visibili. Chloé allargò le gambe in modo che Samuel potesse stare in mezzo a loro, afferrò il cazzo zoppo con la mano sinistra e ci passò sopra la lingua tesa.

Leccò avanti e indietro finché la parte superiore non fu pulita. Poi spinse indietro il prepuzio e leccò il glande. La punta della sua lingua si asciugò agilmente sul capezzolo vellutato e alla fine infilò leggermente nell’apertura. Nei primi minuti Samuel non ha mostrato alcuna reazione, ma dalla sua faccia si capiva che si stava divertendo molto con le pulizie di Chloé. «Hai ragione, Isabella», mormorò, «quella lingua non ha prezzo». Ma Chloé non aveva ancora finito.

Andò sotto, corse lungo la cucitura del sacco, raccolse le palle e tamponò con la lingua ogni millimetro quadrato di pelle. Il cazzo di Samuel ora era ricresciuto. Chloé sentì il bastone che si irrigidiva nella sua mano e aiutò massaggiandolo delicatamente. Quando fu convinta di aver leccato il cazzo per bene, guardò Isabella e chiese tranquillamente: “Devo continuare? O vuoi? “No, vai avanti e lasciagli l’erezione di nuovo così può vedere cos’altro può fare”, sussurrò Isabella in risposta.

899 Zitto e Godi - Telefono Erotico Zitto e Godi

Ma per non restare con le mani in mano Isabella fece cenno a Nathan di avvicinarsi. “Vediamo se posso fare lo stesso per te”, sussurrò mentre Nathan stava di fronte a lei, proprio come Samuel stava di fronte a Chloé. Chloé aveva rimesso la mano sotto il sacco di Samuel e gli accarezzava teneramente le palle. Immerse lentamente il cazzo semiduro nella sua bocca calda. Lei giocò intorno a lui con le labbra e la lingua, premette le labbra attorno al cazzo con tutta la sua forza, lo succhiò profondamente nella bocca, lo spinse fuori, lo succhiò, Samuel gemette.

Raddrizzò le gambe, si irrigidì, le afferrò i capelli con le dita, si mosse avanti e indietro e presto cominciò a scoparle la bocca. Spinse il suo pene duro in profondità nella caverna calda e umida della sua bocca finché non si sbatté saldamente contro la parte posteriore della sua gola, poi la ritirò lentamente, lasciando che Chloé mordicchiasse il glande per un po’, prima di spingere di nuovo con forza.

Dopo che il gioco durò un po’, il successo di Chloé divenne evidente. Le urla di Samuel si fecero più forti, e le convulsioni che colpirono il suo corpo si susseguirono più rapide.

Chloé teneva la base del cazzo con la mano destra. Lo strofinò su e giù, sempre più velocemente, cercando di pompare fuori tutto ciò che era ancora dentro di lui. Quando partì il primo schizzo, Chloé spalancò la bocca. Aveva la punta del pene sul labbro inferiore e chiudeva la bocca nel momento in cui il succo le schizzava contro il palato. Lei spremette con entrambe le mani le ultime gocce dal cazzo, che crollò di nuovo non appena ebbe sparato il carico.

“Ecco!” Chloé ansimò mentre il cazzo le scivolava fuori dalla bocca. Alzò con orgoglio lo sguardo verso il suo capo, che era senza fiato. Samuel soddisfatto disse: “Grande! Semplicemente fantastico! Hai visto, Isabella, come mi ha succhiato il cazzo?” Solo cinque minuti fa pensavo che non sarei riuscito ad avere un’altra erezione” Sua moglie non poteva dargli una risposta, la sua bocca era piena del cazzo di Nathan, che era diventato sempre più grosso.

“Le vergini non vanno bene”, rise Chloé. “Devi lasciarmi succhiare il tuo cazzo. Adoro leccare!” Come se quella confessione fosse stata lo spunto, il cazzo di Nathan iniziò improvvisamente a zampillare. Fece gargarismi con parole selvagge e incoerenti mentre Isabella massaggiava la parte inferiore del cazzo e succhiava quella superiore. I movimenti di leccatura di Isabella dicevano tutto, anche lei era molto brava nel farlo, adorava leccare.

Chloé non si sarebbe mai aspettata un lavoro così “faticoso”, una volta chiamò anche la sorella per farla conoscere al gruppo e da quel giorno la sorella la veniva a trovare sempre più spesso e non era per fare qualche chiacchera…

Culone al Telefono Erotico - Culona e culi grandi
Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Telefono erotico mature