a soli 0,79 cent + IVA al minuto

a soli 0,49 cent + IVA al minuto

SITO VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Racconti Erotici Famiglia al Telefono

Incesto al Telefono Erotico

Ami le fantasie incestuose? Ti eccita da morire avere una storia con un membro della tua famiglia?

Le nostre ragazze non vedono l’ora di masturbarsi mentre ti sussurano all’orecchio cose che ti faranno venire in due secondi! Provare per credere!

Dai voce alle tue fantasia più perverse! Chiama subito la nostra linea incestuosa!

Telefono Erotico Sorella – Telefono Erotico Mamma

Vuoi una mamma che ti coccoli? O una sorella più grande che si prenda cura di te?

Con la Linea Erotica Racconti di Famiglia le nostre ragazze sono pronte ad esaudire i tuoi desideri più perversi. 

Che tu voglia solo parlarci, farti coccolare o andare subito al sodo, sei nel posto giusto. Chiama subito la nostra linea incestuosa e lasciati cullare dalle voci calde e sicure delle nostre bellissime ragazze.

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Categorie del telefono erotico

Telefono erotico ragazze

Non preoccuparti dell’orario a cui chiamare la nostra linea erotica. Siamo aperti h24, 7 giorni su 7 per permetterti di chiamare a qualunque orario del giorno o della notte.

Segui la nostra linea erotica anche su Instagram e leggi le nostre recensioni su TrustPilot

Telefono erotico: I miei genitori arrapati

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Racconti Erotici Trans - Numero Erotico Racconti trans Erotici

Mi chiamo Rene, ho 17 anni e vengo da Amburgo. Vivo con i miei genitori in una bella casa. Mia madre, Maria, ha 42 anni ed è bellissima. Lunghi capelli castano scuro, un viso da angelo, un bel seno, anche se non molto grande, ma comunque paffuto, un corpo sexy, snello con un bel culo e gambe lunghe. Di solito si veste in modo piuttosto elegante, anche nei giorni normali.

Mio padre Karl è il tipico uomo d’affari. Abiti scuri eleganti e tradizionali sempre abbinati a una cravatta. Lui è 188 cm, atleticamente magro e ha 44 anni.Fino a qualche mese fa pensavo che avremmo condotto una vita del tutto normale. La nostra vita familiare era molto bella e armoniosa. Tuttavia mi sbagliavo… Una notte mi sono addormentato davanti alla TV in camera mia. Mi sono svegliato al suono di una pubblicità tremolante, assonnato mi sono alzato e ho spento la televisione e mentre tornavo a letto ho sentito dei rumori.

Per curiosità ho aperto la porta per scoprire da dove provenissero i rumori, se ascoltavo attentamente, riconoscevo le voci dei miei genitori. Dalla mia stanza potevo vedere che la porta della camera dei miei genitori era aperta, la mia curiosità mi ha spinto ad andare avanti e mi sono così avvicinato. La porta della loro stanza era socchiusa. Quando guardai dentro vidi mia madre nuda con un bicchiere di champagne in mano, era semplicemente stupenda. Poi ho sentito mio padre dire: “Tesoro, per favore, mettiti la collana di perle, lo sai che mi fa arrapare quando indossi solo quella.”

Mia madre si voltò verso la cassettiera, si sporse in avanti e rispose a mio padre “Lo sai che indosso e faccio tutto ciò che ti fa arrapare.” Non avevo mai sentito mia madre o mio padre parlare in quel modo prima. Dopo aver indossato la collana di perle si è girata verso mio padre, era stupenda. Qualsiasi compagno di giochi di Playboy sarebbe stato geloso. Le sue tette erano incredibilmente calde, i suoi capezzoli erano solidi, la sua figa era rasata. La collana di perle le scendeva sulle tette e arrivava fino all’ombelico.

Sembrava una top model, ma con le tette più grandi. “Oh tesoro, sei davvero sexy.” Con queste parole mio padre si avvicinò a mia madre. Inoltre era completamente nudo. Baciò mia madre sulla bocca e mia madre cominciò a strattonare lentamente il cazzo di mio padre con la mano sinistra. “E tu ragazzo arrapato, cosa vuoi fare adesso……. Cosa vuoi fare adesso con la tua puttana che ti sei sposato? “Proprio come mio padre, mi è venuta un’erezione quando ho sentito quelle parole. Non potevo crederci, mia madre conservatrice si definiva una troia.

Mio padre rispose: “Sai esattamente cosa voglio… sai cosa mi piace!” Mia madre sorrise e si avvicinò al suo letto. Lei si sdraiò, allargò le gambe e con la mano aprì la sua fica ben rasata. Dal mio nascondiglio potevo vedere chiaramente la sua figa rasata: “Baby vieni, metti il ​​tuo cazzo duro e caldo nella mia figa, sono arrapata e abbastanza bagnata, proprio come piace a te” Mio padre non ha esitato. Si è avvicinato e ha inserito il suo cazzo nella sua figa e iniziando a scoparla lentamente. Mia madre gemette forte.

Racconti Erotici Trans - Numero Erotico Racconti trans Erotici

Era così bagnata che potevo sentire i rumori del cazzo anche dal mio nascondiglio. “Dai, tesoro, guarda attentamente come il tuo cazzo mi scopa la figa, guarda come mi scopi, ti piace cosa vedi?” Mio padre rispose: “Lo sai che mi eccita, mi fai arrapare così tanto” “Dimmi cosa ti fa godere, dimmi cosa vuoi!” “ Sai cosa voglio… sai cosa mi fa arrapare…” rispose mio padre. “Dimmi… tesoro… voglio sentirlo… guardami negli occhi e dimmi cosa sei vuoi fare con la tua troia!”

“Voglio vedere come vieni scopata da un altro ragazzo, voglio guardarti negli occhi quando vieni scopata da qualcun altro, voglio che ti fai penetrare la figa da qualcun altro che poi ti viene dentro,” rispose mio padre. Non potevo credere a quello che avevo appena sentito, mio ​​padre voleva guardare come mia madre si lascia scopare. Il mio cazzo era diventato infinitamente rigido a causa del dialogo dei miei genitori: “Sì, tesoro, dovrei lasciarmi scopare, vuoi vedere come mi scopa un altro ragazzo, ti fa arrapare.”

“Sì, tesoro… lo sai che lo voglio…” gemette mio padre. “Lo so… ti piace. Ti eccita fare diventare tua moglie una troia.” Mia madre cominciò a masturbarsi il clitoride. “E poi cosa dovrebbe fare il ragazzo?” “Dovrebbe venirti dentro, dovresti mungerlo con la figa” “e poi cosa vuoi fare dopo che mi avrà pompato il suo sperma dentro?” Mi sono masturbato il cazzo sempre più velocemente alle parole di mia madre e notai che qualcosa stava lentamente salendo dentro di me: “Vuoi poi scoparmi nello sperma di quel ragazzo?” Vuoi scopare la mia fica usata, tesoro?” “Sì” rispose mio padre e spinse il suo cazzo più forte e più velocemente nella fica di mia madre.

“Ti fa eccitare infilarti nella mia fica piena di sperma?” “SI” “Non vuoi una moglie ma una troia che si fà scopare dai ragazzi?” “Oh sì.” Mia madre stava diventando sempre più arrapata, potevo vederlo chiaramente dallo sguardo sul suo viso. Ha guardato mio padre direttamente negli occhi e gli ha risposto “Voglio provarlo con te.” Mia madre guardò mio padre con uno sguardo davvero arrapato e rispose: “Vieni adesso, maiale arrapato. La tua fica sposata lo sa esattamente quello di cui hai bisogno!”

Mio padre gemette violentemente. Poco dopo, mio ​​padre tirò fuori il suo cazzo dalla fica di mia madre e le spruzzò il suo sperma sulla pancia e sulle tette. “Sì, tesoro, vieni davvero bene… spruzzami davvero fino in fondo… proprio come fai con le tue piccole puttane da quattro soldi “A queste parole di mia madre, mio ​​padre cadde esausto sul suo corpo. Mio padre rimase sdraiato su mia madre per quella che sembrò un’eternità. Poi lui rotolò via da lei. “Tesoro, è stato grandioso.” Mia madre si alzò e si guardò. “Tesoro, ne avevi davvero bisogno.”

Poi diede a mio padre un bacio intenso e disse “Ti prometto che la tua piccola puttanella sposata farà quello che vuoi nel fine settimana” Dopo un altro bacio intenso, mia madre iniziò di segare il cazzo di mio padre e gli disse: “Se dovessimo chiamare una puttanella, vorrei farmi leccare tutta da lei” Le sue parole non mancarono di sortire effetto, il cazzo di mio padre divenne subito di nuovo rigido. Mia madre sorrise e disse: “Sapevo che ti avrebbe fatto arrapare, dato che ti piacciono le puttane chiamane una, ho voglia oggi, ma non dovrebbe suonare il campanello per non svegliare René.”

Mio padre rispose: “Tesoro, sei seria? e se René si sveglia e nota qualcosa?” Mia madre si voltò e rispose: “Mancano ancora 3 giorni alla nostra visita al club per scambisti di sabato, sono arrapata per un figa rasata adesso, non ti preoccupare”, chiama una delle tue puttane davvero calde o vuoi che scopiamo di nuovo la tua segretaria?” Con queste parole scomparve nel bagno. Tornai silenziosamente nella mia stanza. Quando sono arrivato mi sono sdraiato sul letto. Mentre continuavo a masturbarmi, ho rivisto ciò che avevo visto e sentito.

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

Tutto il mio mondo era capovolto. Mia madre è una puttana da matrimonio? Mio padre è un puttaniere? I miei genitori sono scambisti? Prostitute che li hanno scopati entrambi? Niente di tutto ciò potrebbe essere vero. Sono venuto nel giro di poco al pensiero che ai miei genitori piacessero le prostitute e che il fine settimana successivo sarebbero andati in un club per scambisti, ero totalmente eccitato. Ero incredibilmente entusiasta di vedere se avrebbero effettivamente chiamato una prostituta.

Per questo motivo sono rimasto accanto alla mia finestra, che aveva una vista perfetta sulla strada, e dopo 30-40 minuti stavo per lasciar stare quando un’auto si fermò sul lato opposto della strada. La portiera del conducente si aprì e ne scese una donna. Dalla mia finestra ho visto che era bionda e portava delle scarpe piuttosto alte, ha preso il cellulare e ha fatto una chiamata. Poco dopo ho sentito dei passi nel corridoio. Erano le orme di mia madre. La donna dell’auto si è diretta verso la nostra porta d’ingresso.

Non potevo crederci, i miei genitori avevano davvero chiamato una prostituta? Il pensiero che i miei genitori stessero per fare sesso con una puttana mi ha eccitato e il mio cazzo ha reagito immediatamente, sono corso verso la porta della mia camera a passi veloci ma silenziosi. L’ho aperta e sono strisciato verso il bagno degli ospiti. Accanto al bagno degli ospiti c’era un’elegante tenda molto antica dietro la quale mi nascondevo e da li avevo una visuale perfetta di tutto il corridoio e non dovetti aspettare molto prima che sentì dei passi salire le scale.

Erano mia madre e la sconosciuta. Mia madre indossava una vestaglia di seta che le arrivava appena ai fianchi. La sconosciuta indossava un trench che le arrivava un palmo sopra il ginocchio. Indossava tacchi alti e calze di nylon nere, caldissime, per mia fortuna le due si fermarono a due metri da me. Mia madre cominciò a baciare la bella sconosciuta che ricambiò i suoi baci aprendo la bocca e spingendo la lingua nella bocca di mia madre.

Mentre faceva questo aprì la vestaglia di mia madre: sotto la vestaglia di seta mia madre indossava solo la collana di perle di prima. I suoi tacchi a spillo estremamente alti davano a mia madre un aspetto malvagio. Quando la vestaglia cadde a terra, la bionda fece un passo indietro e guardò mia madre dall’alto in basso. “Sei assolutamente fantastica, spero che tuo marito sia altrettanto bello, poi ci divertiremo molto stasera“ Poi ha fatto di nuovo un passo avanti e ha baciato mia madre sulla bocca. Mentre lo faceva, si infilò con una mano tra sue gambe.

Lei a sua volta le allargò volentieri e alla vista di ciò il mio cazzo stava per esplodere. Non potevo credere che mia madre fosse bisessuale. La sconosciuta interruppe il bacio, guardò mia madre e disse: “Non vedi l’ora!” La tua figa è già tutta bagnata. Devo leccarti quando vieni o vuoi qualcos’altro? Vuoi guardare tuo marito che mi scopa o dovrei scoparti io con uno strip-on? Che voglia hai?” Mia madre rispose: “Tutto quello che hai detto e anche di più, puttanella arrapata. Ti abbiamo assunto per divertirti davvero.”

Culone al Telefono Erotico - Culona e culi grandi

La bella sconosciuta rispose con voce lasciva: “Sono una puttana assolutamente calda ed è per questo che dovremmo occuparci prima degli aspetti commerciali. Ricevo 600 euro per 4 ore”. Mia madre si voltò, aprì un cassetto della cassettiera, vi infilò una mano con una presa salda e tirò fuori 2.000 euro. “Ecco questo è per te e comunque mi chiamo Maria e non c’è limite di tempo per questo” “Wow, ecco perché ti scoperò fino a quanto lo vorrai. Sembra che tu ne abbia davvero bisogno, proprio come piace a me.” Mentre diceva questo, aprì il suo trench e lo lasciò cadere a terra.

Non indossava niente sotto. Le sue tette erano molto grandi e sode. La sua figa era rasata. Il suo corpo era perfettamente modellato. “A proposito, mi chiamo Nina. E ti piace quello che vedi?” Mia madre sorrise intensamente e baciò Nina e le chiese: “Sei perfetta, spero che tu sia tanto porca come dice mio marito. Sono davvero dell’umore giusto stasera. Quanti anni hai?” Nina rispose: “19” “Diciannove e già puttana!” Nina sorrise e rispose: “Mi sono lasciata scopare per la prima volta quando avevo 14 anni. Da allora ne ho bisogno regolarmente. Sono semplicemente arrapata per natura.”

Fine della 1° parte, continua a leggere la storia qui.

Erotici Racconti Erotici - Racconti porn
Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Incesto al Telefono Erotico

Leggi i nostri racconti erotici per soddisfare le tue fantasie:

Segui la nostra linea erotica anche sui social Facebook e  Instagram

Puoi trovarci anche su PornHubEPorner, XVideos, XHamster e Erome

Incesto al Telefono Erotico

Sostieni come noi il wwf per aiutare le specie in via di estinzione

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7