a soli 0,79 cent + IVA al minuto

a soli 0,49 cent + IVA al minuto

SITO VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Trans al Telefono Sexy e Vogliose

Transex al Telefono Erotico

Le Trans al telefono erotico sono creature sensuali e femminili con un qualcosa in più che le rendono delle creature straordinarie. La linea erotica delle Trans ti permette di parlare, senza veli, con delle donne trans bellissime che non vedono l’ora di farti godere!

trans al telefono erotico - sesso al telefono trans - siti transessuali

Hanno dei fisici bellissimi e delle curve da mozzare il fiato. Sembrano in tutto e per tutto delle donne ma hanno un fascino unico e inarrivabile.

Le Trans al Telefono Erotico conosco benissimo gli uomini e sanno quali punti toccare per farli impazzire! Non hanno veli né censure, amano il sesso anale e sono pronte a penetrare ed a essere penetrate! Chiama ora la linea erotica delle Trans e inizia a giocare con loro facendo del sesso al telefono di altissima qualità!

trans al telefono erotico - sesso al telefono trans - siti transessuali

Non perdere l’occasione di divertirti con le Trans focose sulla nostra linea erotica. Chiama Subito!

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Linea erotica – Sesso al Telefono Trans

Le Trans sono delle donne bellissime con un corpo da urlo, dei seni prosperosi e un lato b che aspetta di essere penetrato! Puoi chiamare le nostre trans 24 ore al giorno, tutti i giorni dell’anno senza alcun filtro.

trans al telefono erotico - sesso al telefono trans - siti transessuali

Le Trans ti aspettano per fare il sesso telefonico più trasgressivo della tua vita! Se stai cercando un’esperienza esotica e particolare componi subito il numero ed inizia a godere in compagnia di un bel trans!

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Categorie del telefono erotico

Linea erotica – Transex al telefono

Non preoccuparti dell’orario a cui chiamare la nostra linea erotica. Siamo aperti h24, 7 giorni su 7 per permetterti di chiamare a qualunque orario del giorno o della notte.

Seguici la nostra linea erotica anche su Instagram e leggi le nostre recensioni su TrustPilot

Ci trovi anche su PagineGialle e Virgilio con tutti in nostri contatti e tanti altri contenuti.

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Transex al Telefono Erotico - Schiavizzato dai transessuali

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

trans al telefono erotico - sesso al telefono trans - siti transessuali

Ciao, sono Paolo, ho compiuto da poco 18 anni. Dato che per motivi finanziari non posso ancora permettermi un appartamento mio, vivo ancora con i miei genitori e posso spendere i pochi soldi che ho per quello che voglio. Tra le altre cose, mi piace fare festa con i miei amici. Come in questo venerdì importante.
Siamo andati presto dal mio amico Dennis per fare rifornimento. 

Poi finalmente siamo andati in discoteca. Appena entrati, la prima cosa da fare era “controllare” le donne. C’erano delle ragazze vogliose e carine, ma nel corso della serata ho ricevuto un rifiuto dopo l’altro. Piuttosto frustrato, ho salutato gli altri intorno all’una di notte per tornare a casa.

Appena uscito dal club ho guardato per vedere quando sarebbe arrivato l’autobus. Fantastico, l’ultimo se n’era appena andato. E il successivo non sarebbe partito prima di un’ora. Quindi mi sono incamminato prendendo la strada più breve per tornare a casa. Questo mi ha portato, tra l’altro, attraverso un parco, dove all’improvviso ho visto una donna sul lato del sentiero. 

L’ho guardata brevemente e ho notato che probabilmente stava per urinare, è strano per me vedere una donna che fa pipì stando in piedi. Cavolo, ho subito la pressione sulle palle da parte di tutte le donne arrapate del club. E ora all’improvviso ho visto la donna che pisciava lì.

Il mio cazzo si mosse all’improvviso. Forse era l’alcol, ma mi sono arrapato abbastanza velocemente. Dovevo semplicemente fermarmi e guardarla svuotarsi. Inconsciamente la mia mano è scesa direttamente nei pantaloni per massaggiarmi il cazzo. Non sapevo cosa mi stesse succedendo, sapevo solo che ero incredibilmente arrapato. 

A quanto pare mi ha notato, si è girata, e mi ha fissato il cazzo nei pantaloni. “Cosa è?” Lei mi ha chiesto. “Mai vista una trans prima?” Tutto quello che potevo fare era fissare il suo pene. “Cosa è???” ripeté più forte adesso. Ero distolto dai miei pensieri. Ho notato che avevo ancora la mano nei pantaloni e mi stavo masturbando. Mi sono fermato subito e mi sono sentito preso. Ma ero troppo eccitato per fermarmi adesso.

Racconti Erotici Trans - Numero Erotico Racconti trans Erotici

“Dimmi, ti piacerebbe masturbarti con me?” Lei mi ha chiesto. Ero stupito della richiesta, ma lei mi ha salutato e se n’è andò. Mentre camminava si voltò per darmi un altro sguardo poi si avvicinò alla panchina del parco sotto una lanterna. Per pura curiosità l’ho seguita, ma ho visto altre donne sedute sulla panchina. Quando sono passato li davanti mi ha salutato di nuovo, ho esitato un pò prima di ricambiare il saluto. 

Avrei dovuto fermarmi? No, ormai ero troppo eccitato, così andati anche io a sedermi con loro sulla panchina. Gli altri due si alzarono. “Sdraiati a pancia in giù sulla panchina”, disse quello che aveva appena fatto pipì. Quasi senza volontà, le ho fatto il favore.

Proprio mentre ero sdraiato a pancia in giù sulla panchina, le donne mi hanno afferrato per le braccia e le gambe. “minalo stretto” sentii dire alla mia seduttrice. Prima che potessi davvero reagire, hanno tirato fuori una fascetta e hanno legato le mie braccia alla parte anteriore della panchina, poi mi fecero lo stesso anche con i piedi tanto che ora mi appoggiavo sulla panchina senza poter opporre alcuna reale resistenza. Chiesi cosa volessero fare con me e gli dissi di liberarmi ma invece mi tolsero scarpe e calzini.

Quando riprovai timidamente a urlare di nuovo di essere liberato qualcuno mi aveva già infilato il calzino in bocca. “Stai zitto!” mi ha gridato. “Lo volevi così. Se non fai nulla di stupido, non ti succederà nulla.” Avrei voluto urlare di nuovo, ma non ne uscì altro che un suono attutito. Fu solo allora che notai il sapore disgustoso dei miei calzini, dopotutto li avevo indossati tutto il giorno. Tra l’altro ci stavo proprio festeggiando. Ho avuto un po’ di vomito.

“Guardalo, sta già soffocando.” Michael uno di loro. Poi non dissero più nulla. Invece mi hanno palpato attraverso i vestiti. In tutti i punti, sia sul culo, sul cazzo, ma anche sui capezzoli. Poi uno mi ha sollevato un po’ la pancia, ma solo perché l’altro potesse arrivarmi ai pantaloni per aprirmi la cerniera dei pantaloni. Con i pantaloni erano abbassati gemetti di nuovo nel bavaglio del calzino. “Allora maiale arrapato, vediamo cosa hai da offrire.” disse il terzo membro del gruppo. Non sapevo cosa intendesse con questo. Ma avrei dovuto scoprirlo subito dopo.

Ha tirato fuori i coltelli e ha tagliato i miei boxer relativamente stretti. “Non ti servono più.” lei disse. Adesso ho sporto il mio culo nudo verso di loro. Avrei voluto urlare ancora. Ma ancora una volta tutto ciò che sentivi erano gemiti soffocati. “Smettila di lottare e divertiti.” mi ha chiesto uno di loro. Adesso i miei pantaloni erano tirati sopra i piedi e sotto ero completamente nudo.

Breve silenzio, sono rimasto solo per un attimo. E poi all’improvviso qualcuno mi ha toccato il buco del culo. Prima che potessi davvero reagire, qualcun altro mi ha afferrato le chiappe e me le ha separate. “Peccato che non abbiamo lubrificante, allora proverò con uno sputo.” Ho sentito. Solo ora ho capito cosa stavano cercando di fare. Ho urlato e gemito di nuovo nel bavaglio del calzino. Poi ho sentito il suo cazzo all’insù e subito dopo ho sentito la sua cappella sul mio buco del culo. Avrei voluto stringere insieme le mie chiappe, ma erano tenute ferme.

Poi ho sentito un dito nel buco del culo. “Il tuo buco del culo ci sta dando un sacco di piacere oggi.” disse la persona che stava puntando il dito. Premette sempre di più e la pressione aumentò. Volevo fare qualcosa, ma non potevo muovermi né urlare. E poi, con uno strattone, il dito è penetrato nel mio “buco del culo”. Questa volta mi sono lamentato davvero. E anche il mio cazzo si muoveva. “Senti, penso che questo lo renda arrapato.” solo uno di loro. Non riuscivo più a distinguere le voci. “Allora diamogli quello che vuole”, ha risposto un altro.

Prima che me ne rendessi davvero conto, tirò fuori di nuovo il dito quasi completamente, solo per rimetterlo di nuovo. E infatti, ho eretto il mio cazzo molto lentamente. “Il maiale pervertito.” ha osservato uno. A poco a poco il ritmo del dito aumentava. Ho dovuto gemere di nuovo. Cosa c’era di sbagliato in me? Perché mi fa eccitare? Ma non potevo davvero pensarci. Avevo già le dita nella rosetta. Mi stava letteralmente scopando con le dita, poi mi misero ha messo una fascetta attorno al mio cazzo e alle palle. Un dolore terribile, ma sfortunatamente non potevo fare altro che gemere nel bavaglio.

“Sembra fantastico.” osservò, probabilmente riferendosi al mio cazzo e alle mie palle legati. Poi il mio stronzo delle dita è penetrato con il terzo dito. Mi ha distratto brevemente dal mio dolore, ma solo brevemente. Avrei voluto urlare, ma non potevo. “Ascolta, stronza.” uno mi ha suggerito. «Io tiro fuori subito il bavaglio e tu mi succhi il dito. Altrimenti ti legheremo la coda ancora più stretta”. mi ha minacciato. 

E proprio in quel momento mi ha tolto il bavaglio con una mano e l’altra fuori dal culo. “Ecco qua”, sorrise e mi infilò le dita in bocca. Ero spaventato ed arrapato allo stesso tempo, quindi le ho leccato le dita. Finché non l’ho assaggiato. Ho assaggiato le mie escrezioni. “È colpa tua, continua a leccare.” ha commentato. Ho dovuto superare me stesso.

Quindi ho continuato a leccare. Estremamente soddisfatta, tirò fuori le dita e altrettanto velocemente mi rimise i calzini in bocca. Ero curioso e anche un pò preoccupato di vedere cosa sarebbe successo ora. E non solo io, anche il mio cazzo era teso fino a scoppiare. Forse perché era così legato. Ho sentito di nuovo qualcosa nel buco del culo. E poco dopo una di loro mi ha penetrato con il suo cazzo. Non troppo grande, semplicemente sopportabile. 

Lo spinse sempre più giù finché non sentii le sue palle sul mio culo. E poi ha iniziato. Senza esitazione lo tirò fuori solo per poi ricacciarlo dentro di me. Ho urlato e gemito di nuovo. Tuttavia, il mio cazzo era finalmente rigido, il che probabilmente era il segno che mi piaceva e così lei non si fermava.

Racconti Erotici Trans - Numero Erotico Racconti trans Erotici

Continuava a tirare fuori il cazzo e a rimetterlo dentro. Aumentò il ritmo e iniziò a gemere. Non ci volle molto prima che lei indugiasse dentro di me e il suo cazzo cominciasse a contrarsi. Mi iniettò tutto nel buco del culo. Il mio cazzo pulsava. “Peccato che non riesco a metterti incinta.” disse di nuovo. Poi ha tirato fuori il cazzo. Ma prima che potessi riposarmi, un altro ragazzo mi ha messo il suo cazzo nel buco del culo. Probabilmente era un po’ più grasso. All’inizio me l’ha spinto lentamente, ma poi ha aumentato rapidamente la sua fottuta velocità.

Nel frattempo il mio primo scopatore si è fatto avanti e mi ha detto: “Toglierò il bavaglio e potrai leccarmi il cazzo per bene e in modo pulito. Se urli o mordi, te ne pentirai”. Ero troppo spaventato e troppo arrapato per non obbedire. Ha tolto il bavaglio e lo ha sostituito direttamente con il suo cazzo mentre l’altro continuava a scoparmi. Il suo cazzo aveva lo stesso sapore disgustoso di quello del mio dito prima. Ma che scelta avevo? Inoltre, mi stavano semplicemente scopando a ritmo di musica.

Anche il mio attuale scopatore ha rallentato e si è fermato. Il suo cazzo si contrasse e lo sentii svuotarsi dentro di me. Lo tirò fuori e lo scambiò con l’altro che avevo in bocca. Ho sentito di nuovo la pressione sul mio buco del culo. Ma pressioni molto più forti di prima. Lo ha spinto e spinto. Era un dolore acuto e ho letteralmente urlato contro il cazzo che avevo in bocca. Poi la mia rosetta finalmente cedette. La punta del pene mi ha penetrato, ma non riuscivo a smettere di urlare.

Alla fine anche il terzo mi è penetrato fino in fondo con il suo cazzo. Ma anche lui non ci ha prestato attenzione e ha iniziato a scoparmi velocemente e profondamente. Come i suoi predecessori, ha rapidamente aumentato il ritmo. Gemevo e allo stesso tempo leccavo il cazzo in bocca. Mi ha fatto davvero male e mi ha fatto arrapare ancora di più. Spinse ancora e ancora. Poi ha tirato fuori il cazzo e ha dato il cambio al suo amica. 

Ancor prima che lo avessi tutto in bocca, me lo ha spruzzato su tutta la bocca e sul viso. Ero completamente fuori di testa e ho cercato di leccare via lo sperma come meglio potevo. Poi mi ha dato anche il suo cazzo da pulire.

Mentre lo facevo, qualcuno ha detto: “Allora, Marco, abbiamo la tua carta d’identità, la tua carta di credito, contanti, i tuoi boxer logori e il tuo numero di cellulare. Se ci tieni, dai sempre un’occhiata al tuo cellulare e segui le nostre istruzioni. OK?” Lei mi ha chiesto. Sono rimasto stupito. Cosa dovrei dire? Il mio cazzo è stato rimosso dalla mia bocca. Mi avevano nelle loro mani. “Va bene”, concordai tranquillamente.

Poi mi sono state tagliate le fascette da braccia e gambe. “Devi liberarti il cazzo e le palle da solo, sono già leggermente blu.” disse uno. Mi sono alzato e ho sentito lo sperma che mi scorreva dal culo lungo la coscia. Mi hanno guardato brevemente, hanno sventolato le mie cose e se ne sono andati. Sono rimasto arrapato. Ero così arrapato che ho preso la rosetta tra le gambe, ho raccolto quanto più sperma potevo e me lo sono portato alla bocca. L’ho preso con piacere e l’ho ingoiato.

Poi ho afferrato il mio cazzo legato ma non avendo nulla con cui tagliare la fascetta sarei dovuto tornare velocemente a casa per poterla togliere. Cosa mi succederà? Mi sono vestito, tranne i boxer, che non c’erano più. Poi sono corso a casa. Una volta lì, sono entrato di nascosto nella mia stanza e ho tagliato la fascetta. Il sangue che scorreva faceva un male terribile. Essendo ancora arrapato, mi sono masturbato di nuovo e non ci è voluto molto per venire. Poi ho dormito.

Quando mi sono svegliato la mattina dopo, beh, dopo tutto erano quasi le 3 e mi bruciava il culo. Ho letteralmente sentito cosa i transessuali avevano fatto con il mio culo. Ma volevo ancora controllarlo di nuovo con la mano. Il mio buco del culo era ancora bagnato e ho ceduto immediatamente al piacere. Il mio cazzo forse per il risveglio o forse per il piacere era di nuovo eretto così mi sono dovuto nuovamente masturbare. Nel frattempo ho anche infilato più dita nella mia rosetta. Mi ci sono voluti solo pochi minuti prima di schizzarmi addosso.

Poi ho fatto la doccia e mi sono pulito. Dopo essermi rinfrescato e aver fatto colazione, ho dato un’occhiata al mio cellulare. Un messaggio che mi chiede se sono tornato a casa sano e salvo. Poi un altro messaggio da un numero sconosciuto: “Spero che tu abbia tolto la fascetta. Stasera alle 18 a casa tua, sappiamo dove abiti, senza boxer e senza capelli. Risciacquati. E se leggi questo, mandami una foto del tuo culo. Oh sì, non dimenticare di preparare uno spuntino, siamo sempre piuttosto affamati dopo aver scopato”.

trans al telefono erotico - sesso al telefono trans - siti transessuali

Fissai il messaggio per un attimo. E poi sono tornato subito in bagno, almeno poteva vedere se avevo letto il suo messaggio. Dopo aver inviato la foto del mio culo che era ancora molto rosso, ho iniziato a radermi. Dovevo solo capire come risciacquarmi. Successivamente mi è venuta l’idea di svitare il soffione della doccia e di sciacquarmi il culo con il tubo. Avevo ancora poco tempo e ho iniziato a navigare in Internet.

Quando guardai l’orologio vidi che erano quasi le 18 infatti da li a poco è suonato il campanello, ho guardato attraverso la spia e ho subito riconosciuto la mia “tentatrice” di ieri, ma l’altra persona era nuova per me. Aprii la porta.

La sconosciuta si presentò brevemente: “Io sono Robert, d’ora in poi Padrona per te. Coloro che ieri hanno avuto il piacere di stare con te ti hanno lasciato a me. Ma non preoccuparti, li vedrai abbastanza spesso. E ora: finalmente togliti i vestiti!” Seguii immediatamente l’ordine.

Dopo un po’, la padrona Robert ha giocherellato con il mio cazzo e le mie palle. Ma come mi era stato ordinato, ho guardato ostinatamente i miei stronzi di ieri. Dopo poco la sentii dire: “Allora potete guardare il capolavoro. Ho rinchiuso la tua inutile coda, solo io ho la chiave. Ora inizia a succhiarmelo.” Abbassai brevemente lo sguardo e scoprii una gabbia di castità rosso-trasparente. Rimasi scioccato per un attimo, ma volevo obbedire all’ordine. Mi sono inginocchiato davanti al suo grembo e le ho aperto la cerniera dei pantaloni per liberarle il cazzo.

Dopo che le ho abbassato le mutandine fino alle palle, un cazzo semi-rigido è venuto verso di me. Ero quasi scioccato. Rispetto alla sua verga la mia era in realtà solo una “codina”. Semi-rigido era grande quasi il doppio del mio, stimavo lungo circa 20 cm. Lo presi in mano e lo portai alla bocca. Ho iniziato a leccargli la cappella e ho subito notato come la sua asta iniziasse ad essere sempre più rigida. Ho preso in bocca l’intera testa del pene e ci ho giocato intorno con la lingua. La coda è cresciuta un po’, soprattutto in larghezza.

All’improvviso ho sentito qualcosa di fresco nella fessura del mio culo. Probabilmente era lubrificante, almeno era meglio dello sputo, credo. Subito dopo ho sentito le mani di Robert sul mio sedere. Il dito mi ha affondato il buco del culo come ieri. Questa volta probabilmente è stato un po’ più facile. Il mio cazzo voleva crescere, ma la gabbia lo ha impedito, Robert sembrò accorgersene subito, poi spinse il secondo dito dietro di me e mi scopò.

Gli altri nel frattempo si stavano già servendo con lo spuntino che avevo preparato, quasi ignorandoci, quella sera ero tutto per Robert e quando finì di scoparmi avevo il culo pieno del suo sperma. Ero diventato il loro giocattolo ma in fondo iniziava a piacermi e anche il bruciore al culo andava molto meglio.

Mentre anche Robert si avvicinava al buffer pensavo a quali sarebbero potute essere le conseguenze di questa ‘amicizia’, magari sarei potuto diventare come loro, da quel giorno iniziai anche a frequentare quasi regolarmente quella panchina al parco dove tutto è iniziato.

trans al telefono erotico - sesso al telefono trans - siti transessuali
Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Linea erotica - Transex al telefono

Segui la nostra linea erotica anche sulle migliori piattaforme PornHubEPorner e Xhamster

Linea erotica – Transex al telefono

Non preoccuparti dell’orario a cui chiamare la nostra linea erotica. Siamo aperti h24, 7 giorni su 7 per permetterti di chiamare a qualunque orario del giorno o della notte.

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7