a soli 0,79 cent + IVA al minuto

a soli 0,49 cent + IVA al minuto

SITO VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Telefono Erotico Zitto e Godi

Telefono Erotico Zitto e Godi

Sei timido? Non puoi parlare ad alta voce? Vuoi andare dritto al sodo?

I racconti erotici “Zitto e Godi” possono essere ascoltati in silenzio e ti permettono di vivere un’esperienza unica con le nostre ragazze più eccitate! Ascolta i loro racconti porno mentre si toccano e godono come delle vere porcelline!

899 Zitto e Godi - Telefono Erotico Zitto e Godi

I nostri racconti non contengono parti noiose o senza senso. Sono interamente pensati per darti il massimo piacere durante la tua pausa relax. Inizia subito ad ascoltare le storie intriganti delle nostre ragazze chiamando il numero erotico “Ascolta e Godi” ad un prezzo scontato:

899 Zitto e Godi - Telefono Erotico Zitto e Godi

Linea Erotica Zitto e Godi

Puoi ascoltare i nostri racconti erotici a qualsiasi ora del giorno o della notte. La nostra linea erotica è aperta h24 per permetterti di darti piacere quando vuoi e dove vuoi.

899 Zitto e Godi - Telefono Erotico Zitto e Godi

Per chiamare il numero erotico ti basta telefono cellulare! Allora? Cosa stai aspettando? Componi il numero e inizia a masturbarti in compagnia di una bella ragazza che si da piacere!

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Categorie del telefono erotico

899 Zitto e godi

Non preoccuparti dell’orario a cui chiamare la nostra linea erotica. Siamo aperti h24, 7 giorni su 7 per permetterti di chiamare a qualunque orario del giorno o della notte.

Seguici la nostra linea erotica anche su Instagram e leggi le nostre recensioni su TrustPilot

Telefono erotico:
La perversione dei colleghi d'ufficio

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Racconti Erotici Trans - Numero Erotico Racconti trans Erotici

All’improvviso il citofono crepitò di nuovo e Matteo mi chiese di portare con me il registro degli appuntamenti e delle scadenze. Una volta entrata ci sedemmo al tavolo delle riunioni, sul quale c’erano bicchieri e una bottiglia di vodka. Quando Matteo mi chiese quali appuntamenti fossero fissati per oggi, scoprì che gli appuntamenti previsti per il pomeriggio erano stati rinviati di diversi giorni su richiesta dei clienti e che il termine per una revisione sarebbe scaduto solo il giorno dopo.

Matteo mi chiese con un sorriso sottile se volevo passare la giornata con lui e il suo collega, che mi presentò come Stefano. Valutai velocemente se avessi ancora una scadenza su cui lavorare, ma giunsi alla conclusione che avrei potuto rimandare tutto il lavoro che dovevo fare al giorno dopo. Così accettai e chiesi con un sorriso volutamente ingenuo cosa volessimo fare. Naturalmente sospettavo segretamente cosa stessero progettando quei due.

Bene, disse Matteo, ma prima vogliamo concederci un aperitivo. Per favore, prendi il caviale dalla cucina, un po’ di burro, gelato e pane bianco, sì, e una bottiglia di champagne. Aspettavo con ansia questa prelibatezza perché sapevo che il caviale proveniva da un cliente russo e che si trattava di una lattina da un chilo di caviale Beluga, che costava una fortuna (mi sembrava di aver letto che una tale quantità venduta a circa 5.000 euro).

Misi una ciotola in freezer per qualche minuto, poi la riempii con mezzo chilo di caviale e cubetti di ghiaccio. Poi Matteo mi chiese di sedermi e disse che avremmo dovuto fare il brindisi in stile russo e iniziare con una vodka. Anche la quantità che versò nei nostri bicchieri era russa, almeno 1/8 di litro. Con un “Na zdorovje” entrambi hanno bevuto il bicchiere in un sorso, quindi non ho avuto altra scelta che fare lo stesso.

Ho sentito la vodka scorrere calda lungo il mio esofago prima che il calore si diffondesse al mio stomaco. Non ci è voluto molto prima che sentissi gli effetti dell’alcol nella mia testa. Dopo aver mangiato dei panini con burro e caviale e aver bevuto champagne e vodka, ero già abbastanza ubriaca e ho sentito di nuovo un formicolio in mezzo al corpo. Pensai che loro due probabilmente volevano riempirmi per superare ogni inibizione. Ma non era affatto necessario, ero già bagnata al pensiero di Matteo e Stefano che mi scopavano a fondo e venivano in entrambi nei miei buchi allo stesso tempo.

Matteo disse con un sorriso che la ciotola economica non era un contenitore adeguato per questo squisito caviale e che avrei dovuto pensare a quali opzioni alternative avrei potuto trovare per la tavola. Questa volta non gli ho teso un’imboscata e invece l’ho guardato stupito perché non avevo idea di cosa intendesse con questo. Tuttavia, notai dai sorrisi sui volti di entrambi che ovviamente avevano lo stesso pensiero.

Lesbo Racconti Erotici Lesbo - Racconto erotico lesbo

Matteo disse a Stefano che avrebbero dovuto mostrarmi intendevano per una tavola adeguata. Mi fece alzare, poi mi venne dietro, prese tra le mani l’orlo del mio vestitino nero e me lo tirò sopra la testa, mentre io, la cavalla arrapata, lo sostenevo doverosamente alzando educatamente le braccia. A parte le scarpe, ero completamente nuda davanti a Matteo e al suo amico Stefano, che avevo visto per la prima volta un’ora fa. 

Dopo che Matteo mi chiese di sdraiarmi sulla schiena sul tavolo delle conferenze, lentamente mi sono resa conto che sarei stata il posto da cui avrebbero leccato il caviale. Mi tolsero le scarpe e mi dissero di allargare le gambe e di stare in piedi, cosa che ho fatto obbedientemente.

Il calore che saliva in mezzo al mio corpo era quasi insopportabile, ma entrambi pensavano di avere una soluzione per questo. Stefano disse che la tavola era troppo calda per il caviale e che doveva essere prima raffreddata, dopodiché entrambi iniziarono a trattare le mie areole, la mia vulva calda e le dita dei piedi con cubetti di ghiaccio. Ma non sono riusciti a calmare la mia eccitazione, anzi. I miei capezzoli sono diventati ancora più eretti e il formicolio nella mia figa è solo peggiorato.

Dopo che i due dissero che era ora di servire, versarono il caviale sui miei seni fino a coprire completamente i capezzoli e le areole. Mentre Stefano trattava la mia figa allo stesso modo e la riempiva in modo che anche le labbra esterne non fossero visibili, Matteo mi spalmava gli spazi tra le dita dei piedi con i granelli grigio-neri. Nel frattempo Matteo e Stefano si misero in bocca un cucchiaio e con la lingua mi spinsero il caviale in bocca in modo che non lo perdessi.

Diversi pensieri alimentarono la mia eccitazione a un livello insopportabile. Innanzitutto che c’erano sicuramente tra uno e mille euro spalmati sul mio seno, nella mia figa e tra le dita dei piedi, poi il piacere di pensare che tutto questo veniva trattato con la lingua e la bocca. Matteo cominciò a mordicchiarmi il seno mentre Stefano attaccava il mio centro del piacere. Non riuscivo quasi a sopportarlo perché ero così eccitata! Quando Stefano ebbe liberato la zona pubica esterna dal caviale, spinse la sua lingua in profondità nella mia vagina per non perderne nemmeno un granello.

Questa situazione calda mi ha riscaldato così tanto che sono stata improvvisamente scossa da un enorme orgasmo e, nonostante tutta la violenza, pensai che ancora non potevo calciare le gambe perché avevo ancora il caviale tra le dita dei piedi. I due continuarono così, mettendosi ciascuno un piede in bocca e leccando con cura il caviale tra le dita.

A quanto pare i due non ne avevano abbastanza e mi chiesero di sdraiarmi a pancia in giù. Quella fottuta stronza arrapata che ero, ho seguito obbedientemente le istruzioni. Matteo dovette tornare in cucina e prendere il caviale rimasto. Mentre Stefano mi chiedeva di allargarmi le natiche con le mani in modo da poter riempire adeguatamente il buco del sedere, Matteo mi massaggiava le piante dei piedi e di nuovo gli spazi tra le dita dei piedi, ma questa volta dalla pianta dei piedi, con uno spesso strato di caviale. Hanno messo la porzione rimanente nella ciotola davanti alla mia testa in modo che potessi facilmente prenderne un cucchiaio.

Sentivo un piacevole fresco nella fessura del sedere e sui piedi, che fu subito sostituito dal caldo che risaliva quando i due cominciarono a strofinare queste parti del corpo con la lingua. Dopo che Stefano ebbe tolto il caviale dal solco, cominciò a pulirmi il buco del culo, spingendo ripetutamente la lingua attraverso il mio sfintere. Matteo aveva finito di pulire le piante dei miei piedi e si dedicava alle dita per non sprecare nemmeno un granello.

Mi eccitava particolarmente il pensiero che Matteo mi aveva scopato non molto tempo prima, questo e la stimolazione simultanea del mio ano e delle dita dei piedi erano troppo per me. Ho sentito i muscoli del bacino e soprattutto quelli vaginali irrigidirsi di nuovo e poco dopo queste contrazioni si sono trasformate in un orgasmo liberatorio che mi ha attraversato in diverse ondate.

A differenza di me che ero nuda sul tavolo loro erano ancora completamente vestiti, con grossi rigonfiamenti nei pantaloni e la bocca imbrattata di caviale, ora toccava a me dargli un po’ di sollievo.

Culone al Telefono Erotico - Culona e culi grandi

Mi alzai, mi misi in mezzo a loro e cominciai a togliergli le camicie e poi i pantaloni uno per uno. Notai che nessuno indossava le mutande, cosa che mi fece piacere. Matteo più tardi mi confessò che, poiché si era dovuto vestire di fretta, si limitò a mettersi i pantaloni e a gettare le mutande in un cassetto della scrivania, Stefano, d’altro canto, sembrava preferire uscire senza biancheria intima.

Comunque sia, di fronte a me c’erano due lance erette con le palle che penzolavano sotto di loro. Mentre masturbavo entrambe le aste con le mani, feci scorrere la lingua prima sull’una e poi sull’altra punta, assaggiai le due piccole fessure, mi misi in bocca un glande per succhiarlo e poi mi dedicai all’altro nello stesso modo .

All’improvviso Matteo disse a Stefano che prima avrebbero dovuto lavare i piatti e poi scopare, ho subito scoperto cosa intendesse con questo. Al suo comando mi sdraiai di nuovo sul tavolo, ma questa volta in modo che il mio sedere fosse molto vicino al bordo del tavolo. Tutti presero dei bicchieri di champagne e ne bevvero un sorso. Matteo cosparse il contenuto della sua bocca sui miei seni e poi li leccò di nuovo.

Si stesero poi sul tavolo accanto a me, Matteo dietro la mia schiena in modo che potesse toccarmi il sedere con la lingua e Stefano davanti a me in modo che avesse la mia figa davanti alla sua faccia. Il cazzo duro di Stefano era proprio davanti alla mia bocca. Prima di mettersi al lavoro si sono messi di nuovo in bocca lo champagne e io feci lo stesso.

Mentre loro due lavoravano per pulire i miei buchi anteriori e posteriori, presi in bocca il cazzo di Stefano in bocca, mi sarebbe piaciuto avere una bocca anche dietro la testa per poter succhiare il cazzo di Matteo. Ma con Matteo avevo già scopato così decisi di concentrarmi completamente su Stefano. Evidentemente era passato un po’ dall’ultima volta che aveva spruzzato il contenuto delle sue palle perché potevo sentire il suo già impressionante cazzo diventare più grosso, il suo ansimare sempre più velocemente mi disse che presto avrebbe trovato sollievo nella mia bocca.

Matteo e Stefano continuavano a prendere in bocca sorsi di champagne per sciacquarmi accuratamente entrambi i buchi. Il piacere che mi davano, il cazzo che cresceva nella mia bocca, accompagnato da gemiti sempre più forti, mi portarono al terzo orgasmo nello stesso secondo in cui Stefano mi ha spruzzato il suo succo caldo in bocca a fiotti.

Ne ho inghiottito la maggior parte, ma volevo anche lasciare che Matteo condividesse il succo del suo amico. Essendo una pervertita, tali pensieri mi eccitavano incredibilmente. Feci finta di bere champagne, mi avvicinai timidamente alla sua testa ed espressi il mio rammarico per il fatto che non fosse venuto. Bene, ti darò un bacio e affonderò la mia lingua nella sua bocca, gli dissi. La sua lingua mi leccò anche la bocca con i resti dello sperma del suo amico. Sembrava un po’ buffo, ma non disse nulla. Ero felice del mio inganno perverso.

Presi un’altra bottiglia di champagne, la bevemmo rilassati e osservammo i resti del caviale. La pausa durò poco perchè volevo sentire entrambi i cazzi dentro di me contemporaneamente, cosa che dissi senza mezzi termini. Notai la soddisfazione sulle loro facce.

Pensai alle possibili posizioni e scelsi la mia preferita. Uno uomo devi sdraiarsi sulla schiena, io sono sopra di lui con il suo cazzo nella mia figa, mentre l’altro si spinge nel mio sedere eretto da dietro. Volevo essere scopata nella figa da Matteo così lo spinsi verso il divano. Quando era disteso sulla schiena gli massaggiavo le palle e gli leccavo il glande, il suo cazzo si è alzato immediatamente.

In quel momento potevo sentire la lingua di Stefano inumidirmi l’apertura posteriore e poi un dito allargarmi il passaggio nel culo. Presi il cazzo di Matteo dentro di me e mi chinai in avanti per spingere il sedere verso Stefano, feci il possibile per facilitargli la penetrazione. Sentivo entrambi i cazzi dentro di me, separati solo da sottili membrane.

899 Erotico Linea Erotica 899 - 899 Telefono Erotico

Ho iniziato a muovermi lentamente e ritmicamente su e giù sulla lancia di Matteo, con Stefano che mostrava un buon tempismo e sincronizzava bene i movimenti oscillanti del suo cazzo con il movimento del mio bacino. Mi ha stimolato con le dita di entrambe le mani, accarezzandomi le areole e pizzicando leggermente i miei capezzoli (a differenza di altre donne, non mi piace che i miei capezzoli vengano trattati in modo rude). Le dita di Matteo accarezzarono dolcemente il mio clitoride e le labbra esterne. Sentivo la tensione aumentare nel mio pavimento pelvico e sapevo che sarei venuta presto.

Aumentai leggermente il mio ritmo quando, Stefano lasciò il mio petto con una mano e fece scorrere un dito sotto il suo cazzo massaggiando leggermente il perineo. È stato questo tocco che ha immediatamente teso i miei muscoli addominali e mi ha portato a un orgasmo quasi esplosivo. La prima ondata di piacere fece venire anche i miei due stalloni, che pomparono il loro sperma nei miei buchi.

Questo mi portò ad una seconda e terza ondata di piacere che mi travolse. Tremando, crollai sopra Matteo e allungai la gamba indietro, tenendo entrambi i cazzi dentro di me. Quando la sua eccitazione si calmò Matteo mi baciò con amore e gratitudine per aver soddisfatto così appieno i suoi desideri, lo stesso fece Stefano che appoggiato con il petto sulla schiena, mi baciò sul collo e mi leccò i lobi delle orecchie.

Restammo immobili uno sopra l’altro per diversi minuti finché Matteo non disse che riusciva a malapena a respirare e che avremmo dovuto allontanarci da lui. Restammo per un po’ sdraiati uno accanto all’altro e ci accarezzammo. Dopo aver ripreso le forze, facemmo una doccia. Avrei voluto fare la doccia insieme a tutti e due, ma la doccia era troppo piccola. Quindi prima feci la doccia a Matteo, lavai via il suo sudore e i miei liquidi e poi lavai Stefano.

Una volta usciti andammo in una birreria all’aperto per ristabilire il nostro equilibrio idrico con una gustosa birra. Ci divertimmo tantissimo e dopo aver passato un altro paio di ore insieme ce ne andammo a casa stanchi per la dura giornata di lavoro, ma pronti per l’indomani che sarebbe arrivato.

Linea Erotica Casalinghe Sexy al Telefono Erotico
Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7