a soli 0,79 cent + IVA al minuto

a soli 0,49 cent + IVA al minuto

SITO VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Telefono Erotico Hard

Telefono Erotico Hard

Il Telefono Erotico Hard è aperto a tutti gli uomini che cercando delle esperienze estreme con delle donne un po’ pazzerelle. Queste ragazze focose ed eccitate ti faranno fare del sesso telefonico incredibile.

Linea Hard Telefono Erotico Hard - Numero Erotico Hard

Ascolta le loro voci calde e insaziabili mentre ti dicono come toccarti, gemendo e urlando dall’altro capo del telefono. Le donne del Telefono Hard non vedono l’ora di toccarsi in compagnia di un uomo. Adorano le esperienze più estreme e trasgressive e sanno perfettamente quali punti toccare per far godere un uomo.

Se vuoi vivere un’esperienza appagante senza censure o filtri in compagnia di una provocante donna estrema, chiama subito la nostra linea Erotica Hard:

Le nostre ragazze ti aspettano in linea proprio in questo momento. Chiamale subito e inzia a godere!

Linea Hard Telefono Erotico Hard - Numero Erotico Hard

Numero Erotico Hard

Le ragazze hard, vogliose e bagnate, ti aspettano in linea per divertirsi insieme a te! Sono pronte a soddisfare le tue voglie più nascoste e perverse e non si fanno scrupoli a dirti tutto in faccia! Non hanno veli o peli sulla lingua e si prenderanno cura di te, facendoti godere come non lo hai mai fatto in tutta la tua vita.

Linea Hard Telefono Erotico Hard - Numero Erotico Hard

Inizia a divertirti con una ragazza sexy ed arrappante che ti dice porcate per telefono! Chiama subito la nostra linea erotica.

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Categorie del telefono erotico

Linea erotica | Telefono Erotico Hard

Non preoccuparti dell’orario a cui chiamare la nostra linea erotica. Siamo aperti h24, 7 giorni su 7 per permetterti di chiamare a qualunque orario del giorno o della notte.

Leggi le recensioni della nostra linea erotica su TrustPilot e trovi i nostri contatti anche su Virgilio e Paginegialle

Racconti linea erotica: Mattias e la suocera

Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Linea Erotica Casalinghe Sexy al Telefono Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Inizio della 2° parte, inizia a leggere la storia qui.


Vieni Kurt, vieni ad accarezzarmi!” Sentii Giesela quasi implorarlo. Ero tentato di aprire la porta per vedere cosa succedeva, ma era troppo rischioso per me. ” NO! Basta!” disse il marito “Devo dire, Giesela, che ultimamente mi sei sembrata spesso una cagna in calore! Sai che ho bisogno di una donna con carisma femminile al mio fianco. Quindi ascolta bene: comportati come una signora e controllati in tutte le situazioni! Adesso voglio dormire! Sono stanco!”

Ero totalmente stupito perché, se potevo fidarmi delle mie osservazioni, tre giorni prima Kurt aveva usato sua moglie come oggetto per soddisfare la sua breve curva orgasmica in modo da poter venire dopo una breve scopata. La eccitava ma la lasciava insoddisfatta. Successivamente ci fu silenzio sessuale fino a questo punto, anche se la moglie fece capire chiaramente che si era offerta a lui. “Quanta voglia deve avere ormai Giesela?” mi sono chiesto e ho deciso di approfittarne il giorno dopo per esaudire il mio desiderio atteso da tempo.

Dopo colazione, ho indossato i pantaloncini e una maglietta che metteva in risalto la parte superiore del corpo e il mio corpo tonico. Kurt stava lì con aria compassata, in un ampio completo da lavoro, pronto ad aiutarmi.
Gisela era la tentazione personificata. Potevo letteralmente sentire i suoi ormoni entrare in azione. Questa donna ha un disperato bisogno di un cazzo. Ero sicuro che avrebbe spinto avidamente la sua calda fica in segno di gratitudine verso qualsiasi ragazzo che fosse riuscito a irretirla con classe.

Supponevo che dopo notti così frustranti nel letto coniugale, la mattina dopo, quando Kurt era al lavoro, normalmente si strofinava ampiamente il clitoride bagnato e, in assenza di un dildo, si infilava altri oggetti e poi si godeva la propria esperienza di orgasmo.
Ma oggi non ha l’opportunità di farlo e posso letteralmente sentire i suoi occhi caldi sul mio corpo. Il suo outfit la dice lunga. Porta i capelli sciolti, una camicetta che mette in mostra il seno e una gonna rossa con spacchi su entrambi i lati e la lunghezza dello spacco può essere regolata utilizzando un’abbottonatura.

I due bottoni inferiori sono slacciati in modo che le sue cosce possano muoversi liberamente nella gonna attillata. Ai piedi indossa scarpe con cinturini allacciati intorno alle caviglie. Le zeppe alte sono più comode dei tacchi ma anche molto erotiche. Ma la cosa più hot erano le calze di nylon, ciascuna decorata con una cucitura longitudinale. L’espressione “eleganza seducente” descriverebbe al meglio il suo aspetto.

Verso le 10 ci ha chiesto cosa volevamo bere prima di preparare il pranzo. Ha portato a Kurt dell’acqua e, come richiesto, a me una birra. Mentre stavo posando la penultima piastrella del pavimento, lei si è accovacciata accanto a me e ha aperto la bottiglia. La sua gonna si sollevò leggermente e attraverso la mia prospettiva potevo vedere il bordo delle sue calze.
Quindi indossò di nuovo le calze e non i collant. Questa donna è erotismo puro.

Lei mi ha sorriso e ha detto: “Non bere troppo durante la giornata, Mattias, altrimenti finirò nei guai con Karin se stasera non rimani sobrio perché la birra fa effetto”. In garage, prendendo altro adesivo per piastrelle da mischiare, ho potuto continuare il gioco “non preoccuparti, cara suocera! “La tua piccola figlia sta ottenendo da me più di quanto possa sopportare, anche con un po’ di alcol nel sangue”, le ho sorriso quasi sfacciatamente. “Ascolta, ascolta”, disse civettuola mentre si alzava e si metteva di fronte a me con le gambe leggermente divaricate.

“Karin sembra aver fatto meglio di me in questo senso”, ha aggiunto con un’espressione esigente sul viso. Anch’io mi alzai e la guardai: “Naturalmente non posso giudicare quanto ti preoccupi sessualmente, ma so che tua figlia ottiene da me più di quanto abbia bisogno e io continuo a non averne abbastanza!”, sorrisi maliziosamente.
Bastarono queste parole suggestive a renderla visibilmente eccitata. Considerando il modo di esprimersi abbottonato di suo marito, qui ci stavamo già dedicando all’erotismo verbale! I suoi seni si alzavano e abbassavano.

La respirazione divenne più veloce. Il suo viso arrossì di nuovo. “Di cosa stiamo parlando qui?” pensò, “Preparatevi, mangeremo all’una.” Disse un po’ turbata e andò in cucina. La guardai andarsene e diventai ancora più arrapato mentre mi godevo la vista del suo sedere che ondeggiava mentre camminava.
Eravamo pronti e facevamo la doccia all’ora di pranzo. Kurt era già seduto a capotavola in giacca e cravatta perché dopo voleva andare direttamente in azienda. Mi sono seduto in accappatoio sul lato lungo del tavolo, proprio di fronte a mia suocera.

Ero nudo sotto l’accappatoio. Anche se sarei rimasto solo con lei nel pomeriggio, volevo farla diventare calda adesso. Da un lato mi irritava il pericolo che Kurt potesse sentire qualcosa, anche se ero sicuro di poterlo osservare abbastanza da poter scaldare mia suocera sotto il tavolo senza attirare la sua attenzione, soprattutto perché Kurt stava leggendo alcuni fax che aveva appena ricevuto. D’altra parte difficilmente riuscirebbe a evitarmi in sua presenza senza rivelare le mie attività segrete, il che equivarrebbe probabilmente a una tragedia familiare.

Racconti Erotici Trans - Numero Erotico Racconti trans Erotici

Gisela è stata al gioco, chinandosi verso di me in modo che potessi vedere la sua scollatura. Ho fissato deliberatamente queste grandi curve finché non mi ha chiesto se avrebbe dovuto fare di più. La mia risposta, “preferibilmente per ore, ti stuzzica davvero l’appetito”, la fece guardare spaventata verso suo marito, che sembrava non notare nulla di ciò che lo circondava. Solo allora sorrise lusingata e, come per caso, fece scorrere il dito medio della destra sulla collana per tirarla fuori dallo spazio tra i seni. Lo sguardo sul suo viso era la tentazione stessa, si è seduta di nuovo senza distogliere lo sguardo e ha accettato il mio gioco.

Quanto doveva essere eccitata ormai per permettersi di fare una cosa del genere? Per me andava bene. Kurt era ancora molto occupato con le stampe del fax quando toccai il polpaccio destro di mia suocera con il piede nudo destro. Ho sentito una breve contrazione, ma poi ha aumentato la pressione sul mio piede. Questo le risaliva al polpaccio e, dopo aver tastato l’orlo della gonna, arrivava al ginocchio. Chiuse gli occhi per un breve momento e aprì leggermente la bocca. In questa situazione, non avrebbe potuto esprimere più chiaramente il suo piacere nei miei giochi con i piedi.

Per Kurt non eravamo nemmeno lì. Leggeva, navigava e mangiava ed era isolato dall’ambiente.
Avrebbe dovuto allargare le gambe mentre il mio piede si avvicinava alle sue cosce, ma la sua gonna attillata non lo permetteva.
“Scusatem”, interruppe il silenzio a tavola, che fece alzare per un momento lo sguardo anche a suo marito, “prendo il dessert. “Sì, sì, fallo,” rispose Kurt, un po’ seccato perché distratto dalla lettura, alla quale tornò immediatamente.

Questa interruzione non ha ridotto la mia tensione sessuale. Il mio cazzo era già un po’ pieno di sangue, quindi potevo già sentire una semi-durezza sotto l’accappatoio. Quando Giesela ritornò con tre coppe di gelato alla frutta su un vassoio, notai subito che questa donna matura e calda di razza aveva ormai slacciato quattro bottoni su ciascuna delle sue abbottonature laterali. Ciò ha dato alle sue cosce molta più libertà di movimento. Distribuì le coppe di gelato, allungandosi più del necessario per posizionare il gelato davanti a suo marito.

Ha spostato il peso sulla gamba sinistra e la gamba destra, che era rivolta verso il tavolo, ha bilanciato questa postura sollevandola all’indietro e allungandola. Lo spacco laterale della gonna ora rivelava la coscia fino al bordo delle calze di nylon cucite. Questa donna altrimenti distaccata, elegante e sempre corretta ora si è rivelata ai miei occhi come una puttana matrimoniale matura, arrapata e guidata dall’istinto che vedeva suo genero solo come uno stallone desiderabile e aveva già infranto i tabù sociali nella sua repressa, lussuria insoddisfatta.

Ben consapevole dell’immagine che mi presentava, mi guardò in modo invitante. Quando si è seduta, ha spostato la sedia molto vicino al tavolo, in modo che potessi continuare il gioco dei piedi interrotto ed esplorare così anche la sua fessura del piacere, probabilmente già bagnata. I bottoni laterali aperti della gonna le permettevano di allargare le sue cosce calde per il mio piede.

Così ho continuato il mio particolare tipo di erotismo dei piedi sulle sue ginocchia. Ha immediatamente aperto volentieri le gambe per me. Il mio alluce continuava a scivolare intenzionalmente lungo il bordo delle sue calze sulla pelle esposta e matura della sua parte interna della coscia.
Ancora una volta mi mostrò quanto le piacesse chiudendo brevemente gli occhi e aprendo la bocca allo stesso tempo. Questa espressione dava al suo viso un aspetto frivolo e arrapato che mi rendeva ancora più eccitante. Anche il suo respiro stava diventando più intenso, anche se stava molto attenta che suo marito non si accorgesse di nulla.

Dovevo stare attento perché non sarebbe riuscita a nascondere la sua eccitazione ancora per molto. Tuttavia, il mio dito del piede voleva esplorare l’umidità della sua vagina. Poco prima che potessi raggiungere le sue mutandine, ho notato la sua umidità sulle cosce. Il suo succo caldo sembrava scorrere a ruscelli. Solo un paio di centimetri in più e le avrei toccato le mutandine. Il suo respiro divenne ancora più pesante e un gemito struggente le sfuggì dalle labbra.

Questo è stato il segnale per me di interrompere il massaggio ai piedi. Kurt alzò lo sguardo e disse: “Mi dispiace, ero così assorbito dal mio lavoro!” Cosa intendevi?” “Niente Kurt! Mi sono semplicemente stirata”, fu la pronta risposta di mia suocera, che sembrava avere il dono delle risposte argute. “Qualcun altro vuole un caffè?” aggiunse, apparendo disinvolta, anche se potevo riconoscere chiaramente la sua eccitazione nella sua voce roca. “No no, devo andare subito in azienda, sarà una giornata lunga, come vedo dai resoconti qui”, sorrise agitando il tabulato del fax.

“Gisela! Non riesco a portare Mattias alla stazione dei treni, il suo treno parte tra quattro ore, puoi occupartene tu per favore?” e girandosi verso di me ha detto scherzosamente “o preferiresti fare i 5 km a piedi?” Poi si alzò e andò alla porta d’ingresso. Io e Gisela lo abbiamo accompagnato ed ero contento che il mio cazzo si fosse già calmato un po’. L’addio tra lui e Giesela fu come al solito e insensibile.
Mi ha detto che avrei dovuto dare a sua figlia un bacio da parte sua.

Erotici Racconti Erotici - Racconti porn

La pesante porta d’ingresso si chiuse sbattendo e rimasi solo con mia suocera. Si voltò immediatamente verso di me e si appoggiò alla porta. “Non avrei potuto trattenermi ancora per molto.” Tirò un sospiro di sollievo. “Mi sento allo stesso modo”, risposi mentre le mie braccia la circondavano e ci baciavamo appassionatamente.
Le nostre lingue erano intrecciate e nessuno dei due sembrava riuscire a saziarsi della saliva dell’altro. La mia mano ha sentito il suo sedere morbido e rotondo attraverso il tessuto della gonna.

Mentre lo impastavo, premevo il suo addome contro i miei lombi. Il mio cazzo premette contro la sua gonna così che potesse sentire chiaramente la mia erezione. Le ho alzato la gonna facendo scorrere la mano libera lungo la sua coscia e afferrando l’orlo della gonna. Metà a tentoni, metà accarezzando, spostai le sue gambe morbide ricoperte di nylon. Quando ho sentito la carne nuda all’estremità della calza, con l’altra mano ho afferrato anche la coscia e ho tirato la gonna sul sedere femminile. I nostri addomi si sfregavano l’uno contro l’altro. Gisela si staccò dalla nostra sessione di baci per sfogare la sua eccitazione con un gemito.

“Ohhh sì, toccami forte, sì mhhhhhhh, ne ho davvero bisogno!! Sì, Mattias, dimostrami che sei un ragazzo che può davvero affrontare una donna come me!” La sua lussuria sembrava non conoscere limiti, la sua bocca frugava selvaggiamente attorno al mio collo e la sua mano mi attirava a sé per la parte posteriore del collo, mentre le sue lunghe unghie rosse affondavano nel mio culo attraverso l’accappatoio. Con entrambe le mani ho sentito la pelle nuda del suo sedere e il laccio del perizoma che correva in profondità tra le sue natiche.

Guidato da un impulso atroce, l’ho afferrato e gliel’ho tirato via così forte che il materiale sottile si è strappato. Adesso tenevo in mano uno straccio bagnato e gocciolante. Doveva già essere venuta, era così fradicio che non avevo mai sperimentato prima con una donna. “Siiii” mi sussurrò, “sai quanto ne ho bisogno, sei così forte e così virile, avanti, lasciami essere la tua puttana, mi fai davvero arrapare!”

Così ispirato a causa della sua estasi, ho fatto scorrere un dito sulle sue labbra umide e ho sentito rapidamente il suo clitoride, che ho fatto roteare leggermente. Con l’altra mano ho afferrato l’abbottonatura della sua camicetta e gliel’ho strappata dal corpo. Esprimeva la sua gioia per questo ritmo sfrenato con forti gemiti e grida di incoraggiamento. “Ohhh stallone, fai un bel massaggio alla fica di tua suocera”, mi ha gridato. Questa donna era semplicemente una fottuta creatura così vicina al suo primo orgasmo che avrebbe potuto venire senza il mio cazzo.

Volevo farlo per lei, affinché in futuro mi desiderasse più di quanto una persona che muore di sete desidererebbe l’acqua. Ecco perché l’ho lasciata andare e l’ho provocata: “La mia suocera vuole essere impalettata per la prima volta qui nell’atrio dal suocero stallone prostituto con il suo grosso cazzo?”
Ho guardato lei e il mio il cazzo si tese fino a scoppiare alla vista che mi si presentò.

Lei stava appoggiata alla porta con la gonna alzata e tenuta in quella posizione dal suo culo sexy. Il succo della sua figa luccicava sui suoi peli chiari e tagliati. La camicetta strappata metteva in mostra il reggiseno blu, che ancora teneva a posto le sue mammelle mature. I capezzoli risaltavano e le areole brillavano oscuramente attraverso il materiale di pizzo leggermente trasparente. I suoi capelli biondi arruffati cadevano selvaggiamente.

Il rossetto rosso leggermente sbavato rendeva le sue labbra carnose ancora più erotiche. Le scarpe alte che davano alle sue gambe in calze una forma femminile ancora più bella sembravano molto troie su questa donna cambiata. Il mio cazzo pulsava sotto la vestaglia. Questa donna è un vulcano!!
“Scopami dove vuoi. Non importa da dove iniziamo. Lo faremo comunque ovunque. Vieni e fallo duro per me”, rispose con calma, controllando la sua forte eccitazione. Poi la presi tra le braccia e la portai nella camera da letto dove suo marito la stava deludendo così miseramente.


Fine della 2° parte, continua a leggere la storia qui.

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7

Linea Hard Telefono Erotico Hard - Numero Erotico Hard
Telefono Erotico Basso Costo - Numero Erotico

La linea erotica è attiva
24 Ore su 24
7 Giorni su 7